domenica 2 ottobre 2016

Venere e Lilith congiunte in Scorpione: Dobbiamo far pace con il "demone" dentro di noi per liberare la Dea Madre



Venere, il pianeta di Afrodite, del Toro e della Bilancia, il Pianeta che ci parla non solo dell'amore, delle relazioni, dell'estetica e dell' armonia, ma anche dei nostri valori personali, sta per congiungersi a Lilith nel segno dello Scorpione, e l'energia si fa intensa! molto intensa! Perché entrambi saranno in sestile a Plutone.

Ma per comprenderla bene questa Lilith occorre mettere un po' di Luce sull'ombra di questa Luna Nera, comprendendone il mito.

Nell'antica Babilonia Lilith era la Grande Dea Made che regnava nell'era preistorica. Essa era venerata con i nomi di Lillitu, Ishtar o Lamaschtu. Regnò per centinaia di migliaia di anni, ma nel corso dei millenni fu scacciata, ripudiata ed allontanata e rimpiazzata dalla forza (brutale) dell'uomo lasciando il posto (non per sua scelta) ad archetipi patriarcali che cominciano a dominare il mondo.

Questi assunsero il nome di Yahvé, il Dio Padre, Allah e trionfarono regnando nel mondo giudaico, cristiano e musulmano. è soltanto attraverso l'immagine della Madonna che l'archetipo femminile riuscì a sopravvivere.

Ne sono testimonianza diverse Madonne Nere le cui statue ancora si possono visitare in vecchi Santuari, come nel Santuario di Tindari in Sicilia.

Nelle leggende antiche e nelle religioni della Mesopotamia rappresenta il demone femminile che fu associato alla tempesta, alla morte ed alla disgrazia. In antichi testi cabalistici e nella religione ebraica invece si narra che Lilith fu la prima donna assegnata ad Adamo, ma non fu creata dalla sua costola, bensì dalla Terra, dunque non nasce da Adamo, ma come Adamo, sostanziale differenza!

Lilith era una moglie sensuale per Adamo e sicura di sé e desiderava con lui un rapporto paritario rifiutandosi di sottomettersi a lui come la legge del Creatore richiedeva, pertanto venne rimpiazzata da Eva. Per questa decisone si infuriò e decise di fuggire in terre lontane per non diventar vittima di una relazione insoddisfacente difendendo il suo ruolo di donna indipendente, e pertanto divenne non solo una ribelle, ma si unì ai demoni che vivevano sulle sponde del Mar Rosso per soddisfare la sua sessualità, e divenne immortale.
Per questa sua ribellione e decisione di allontanarsi dal giardino dell'Eden e dalla protezione divina, divenne a sua volta un temuto demone.

In tutti i casi, ora, Lilith rappresenta un'energia femminile portatrice di disgrazia e non meritevole di accedere ai giardini dell'Eden, e pertanto all'interno della nostra psiche rappresenta quella parte di noi che si sente ripudiata e respinta per la sua natura. Una parte che fa fatica a riemergere e preferisce rimanere nascosta per evitare sia "l'inquisizione" che il rifiuto, aspetti che comunque dovranno riemergere per essere riconosciuti ed integrati.

Nel tema natale di una donna, rappresenta la parte femminile che viene respinta e temuta, nel tema natale di un uomo rappresenta la sua parte femminile che fa fatica ad accettare ed integrare nella sua personalità, rappresenta nel contempo il modo in cui interpreta il mondo femminile e la donna per eredità famigliare.

Ed ora questa Lilith si congiunge a Venere, la Dea della Bellezza, che ci parla della nostra sensualità, di come viviamo i rapporti, di cosa abbiamo bisogno per ristabilire armonia e di come dobbiamo riconoscere i nostri valori.

Ospitata ora dall'energia dello Scorpione, l'energia si fa veramente monto intensa. La parte del mondo femminile che è stato ripudiato ed allontanato fa paura, non solo a chi ha allontanato quel mito, ma anche alle anime che l'hanno subito.

Venere essendo legata al segno del Toro e della Bilancia tende anche a far di tutto per mantenere la Pace e l'Armonia, e pertanto  per lei potrebbe essere non facile ri-contattare il suo lato ombra.

Per ristabilire l'armonia alla quale Venere anela però, dobbiamo riportare alla Luce ogni sentimento sepolto che ci impedisce di sentirci veramente accettati non tanto dagli altri, quanto più da noi stessi.
Per ritrovare la leggerezza che cerchiamo, dobbiamo liberarci dalla convinzione di dover rinnegare la nostra vera natura, legata alle nostre passioni più intense.

Siamo solo noi a ripudiare noi stessi, e l'abbiamo fatto per così tanto tempo perché convinti che quella era l'unica soluzione per fuggire all'inquisizione o evitare il rifiuto da parte degli altri, ma in questo modo abbiamo noi rifiutato noi stessi e la nostra vera natura, sentendoci degni.

Ed ora per ritrovare una sicurezza interiore, dobbiamo riconquistare e ristabilire la pace con quella parte di noi ribelle che continua a difendere la sua posizione, che per proteggersi da un sentimento difficile da sopportare si illude di sentirsi una ribelle, quando invece si sente respinta.

Sembra dunque che all'interno di questa lunazione che ci invitava a liberarci da responsabilità che non ci appartengono, veniamo anche chiamati a ristabilire un rapporto con la nostra Lilith.

Dobbiamo andare a ri-contattare la Dea Madre dentro di noi, quella parte di noi che si è sentita tradita, ripudiata ed allontanata perdendosi nei propri istinti, ed essendo entrambi nel segno dello Scorpione, dobbiamo andare a ri-contattarla in profondità, superando e mettendo luce su tutte le nostre paure ed emozioni più inconsce che probabilmente riemergeranno attraverso la relazione con l'altro, solo così potremo riconoscere e far valere i nostri veri valori personali, e non quelli che difendiamo per compiacere l'altro o quelli che ci sono stati imposti!

La congiunzione raggiungerà il suo culmine il 6 ottobre e potremmo percepire queste intense energie fino all'11 ottobre, giorno in cui Venere farà un perfetto trigono a Kirone in Pesci. Se l'aspetto di Lilith viene riconosciuto e trasformato, avremo pertanto la possibilità di far pace con le nostre ferite e sensi di colpa.

(Chiaramente quanto qui scritto non verrà percepito da ognuno di voi in egual misura, bisogna sempre analizzare il cielo attuale in relazione al vostro tema natale personale, ma comunque l'energia si farà intensa per alcuni di voi, ma tutti noi a livello consapevole o meno ne facciamo parte in quanto è solo l'illusione a separarci. L'idea della Dea Madre intesa come donna forte, libera ed indipendente viene ripudiata dall'inconscio collettivo ed è stata tramandata da generazione in generazione)








2 commenti:

  1. Stanno emergendo ricordi ed emozioni annesse che avevo seppellito sotto strati di me stesso addormentati decine e decine d'anni fa,perché troppo difficili da elaborare... Ora c'è la ribellione,l'ordine,la verità,la sapienza che stanno prendendo il posto di un aria viziata da troppo sopportata!!! Sia grande lode alla purificazione, che l'ascensione possa avvenire nel cuore e per il massimo bene di Ognuno di noi. E come dicono da lassù, che la luce illumini le vostre giornate ed il percorso fino al completamento. In amore e luce, grazie astrosapienthia!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la tua condivisione Altharel, ti faccio lo steso augurio!

      Elimina